Questo sito utilizza solo cookie tecnici propri. Per questo tipo di cookie non è richiesto il consenso. Se vuoi saperne di più clicca qui

Non mostrare più

Il corpo che apprende

Il corpo che apprende

Di Elena Simonetta,
Mimesis, 2014
Scheda del libro sul sito dell'editore.

Gli autori partendo dall’analisi multifattoriale dei DSA, evidenziano come gli aspetti cognitivi dei disturbi di apprendimento abbiano bisogno di essere individuati e specificati tramite il termine che meglio esprime la difficoltà cognitiva: disgnosia.

Oltre alla descrizione di questa disgnosia e alla sua significativa correlazione con i pattern dell’attaccamento insicuro e disorganizzato, ne chiariscono la differenza rispetto ai DSA di tipo funzionale, quali dislessia, disortografia, disgrafia e discalcolia. L’analisi della stretta relazione tra disgnosia ed esiti traumatici di attaccamenti insicuri, disorganizzati e avversi, porta i ricercatori a inquadrare la disgnosia, vero disturbo dell’apprendimento, tra le strategie controllanti, a loro volta modalità di adattamento a traumi dell’attaccamento. Le problematiche relative agli aspetti transgenerazionali dei DSA, sono individuati da Simonetta come fattori predisponenti la disorganizzazione neurologica funzionale e cognitiva nella mente di persone con DSA. Proprio l’analisi dell’incidenza transgenerazionale delle problematiche relazionali legate ad attaccamenti insicuri o disorganizzati nei genitori dei soggetti con DSA, induce gli autori a ritenere l’origine di questi disturbi in esiti post-traumatici di traumi relativi all’attaccamento, che attivano in base alle predisposizioni neurologiche differenti modalità funzionali della mente nell’organizzare i processi di letto-scrittura, calcolo e gnosici. Si presentano possibilità riabilitative innovative: per i DSA di tipo funzionale, il TEP-RED, che nasce dall’analisi funzionale della psicocinetica, (Le Boulch) e si propone di attenuare significativamente gli effetti su lettura, scrittura e calcolo di un inadeguato sviluppo funzionale; per la disgnosia, emerge invece la necessità di una psicoterapia, seguita da una riabilitazione cognitiva.

 

EMDR

Originariamente concepito per dare sollievo al disagio provocato da ricordi di eventi particolarmente traumatici, l'EMDR ha subito negli anni una evoluzione che lo ha portato a diventare un approccio psicoterapeutico di più ampia applicazione, assai efficace nel trattamento di una vasta gamma di patologie e disturbi psicologici. certificato emdr

TEPRED

Ho ideato un percorso esperienziale capace di stimolare il Sistema Nervoso Vestibolare responsabile dell’evoluzione funzionale dello sviluppo psicomotorio, prerequisito dell’apprendimento. Il Tep-Red, e’ uno strumento riabilitativo/terapeutico che si è rivelato efficace nel trattamento dei soggetti con DSA e, più in generale, nell’approccio ai disturbi dello sviluppo infantile.

PSICOTERAPIA SENSOMOTORIA

La psicoterapia sensomotoria è al contempo un cardine rilevante della psicotraumatologia e un approccio psicoterapeutico autonomo, in grado di affrontare una vasta gamma di disagi psicologici. Il focus è posto sull'acquisizione di una dettagliata consapevolezza del proprio corpo, dei movimenti, sia quelli già in essere, sia quelli ancora sotto forma di impulso non soddisfatto. certificato sensorimotr psychoterapist Ho conseguito a giugno 2015 la certificazione come Sensorimotor Psycotherapist® secondo il Sensorimotor Psychotherapy Institute®